Da qualche ora il sipario è calato sulla International Coaching Week.

Sento il bisogno di svuotare testa e anima poiché queste giornate così straordinariamente ricche di sessioni sono state molto intense e cariche di emozioni.

“Ricche”, si. Decisamente. Ogni persona con cui ho lavorato è stata a suo modo fonte di energia e apprendimento.

Persone originarie di diverse parti d’Italia con professioni e vite distinte.

E’ stato davvero magico, quasi un “dono” per me, poter vedere ogni volta come cambiava l’espressione dei loro visi dall’ inizio alla fine della sessione, cosi timidi al di là di un freddo schermo.

Dapprima incuriositi e visibilmente ansiosi di poter condividere e alleggerirsi da qualcosa che forse loro stessi non avevano a fuoco. A fine sessione gli stessi volti erano irradiati da una luce chiara e potente: consapevolezza, apprendimento, scenari più chiari, uno scalpito di azione.

La maggior parte dei coachee con cui  ho avuto il piacere di lavorare in questo periodo ha ammesso di avere compreso un prezioso insegnamento proprio grazie al coaching  e pensa che ne farà tesoro per il futuro: l’importanza di avere del tempo per sé stessi.

In un momento in cui necessariamente il nostro ritmo quotidiano ha dovuto subire dei cambiamenti, l’uomo si è trovato ad acquisire nuovi tempi e modalità verso se stesso e gli altri. Ciò significa anche dover imparare a gestire momenti “vuoti” con noi stessi.

Per queste persone tutto ciò ha rappresentato una piacevole opportunità per scoprirsi e conoscersi: mettersi in ascolto di sé nel momento presente, cogliendo emozioni e bisogni; imparare ad apprezzare le piccole gioie quotidiane e  godere di ciò che si ha.

Le testimonianze

“In quindici anni che abito qui non mi ero mai accorta di avere un bosco meraviglioso vicino casa”

“ Ho capito che voglio  avere una vita più tranquilla…prima non sono mai riuscita ad apprezzare nulla di quello che facevo”

“ Ho capito che voglio fare un lavoro che possa aiutare gli altri”

Queste sono solo alcune delle testimonianze raccolte.

Se fossi in una sessione di coaching vi chiederei: qual è il guadagno che ti porti a casa e che metterai in pratica?

Vivi il momento presente, fermati, respira e ascolta te stesso.

Prendi il tuo tempo per recuperare le energie

Prendi il tuo tempo per recuperare lucidità

Prendi il tuo tempo per apprezzare ciò che hai fatto

Prendi il tuo tempo per alzare lo sguardo e ammirare la bellezza che ti circonda

Prendi il tuo tempo per capire cosa provi ora

Ricorda: la cosa più importante sei tu

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *