Investire o no su Linkedin? Ecco perché dovresti

Potrei sorprenderti, ma LinkedIn è ormai un social media ( ed un motore di ricerca a tutti gli effetti)  maturo e con un potenziale non sfruttato per il marketing B2C.

Linkedin oggi conta  645 milioni di utenti in tutto il mondo e solo negli Stati Uniti sono 160 milioni; i dati recenti evidenziano che il tempo speso dagli utenti sulla piattaforma è in aumento, come pure il numero di utenti stessi.

E’ abbastanza risaputo che LinkedIn  è certamente un ottimo canale il B2B, mentre gli attori del mercato B2C fanno fatica ancora oggi ad apprezzarne i vantaggi.

LinkedIn, infatti, costituisce un’opportunità che gli esperti di marketing non possono più ignorare.

Ha capacità di targeting uniche, consentendo ai marchi di concentrarsi sui segmenti in modi impossibili su altri canali: i profili aziendali, infatti, hanno la possibilità di profilare ( gratuitamente) ogni singolo post pubblicato.

Ha una base di utenti professionale ben educata e con un alto potere d’acquisto: il 40% degli utenti hanno un profilo executive ed il 28% amministra un budget.

Proprio perché i contenuti B2C sono ancora poco presenti, questa costituisce una finestra importante di visibilità per molti Brand.

Qui di seguito alcuni esempi di Brand famosi che hanno deciso di essere presenti attivamente su questo canale con alcune azioni di marketing.

Mercedes-Benz

Il noto marchio automobilistico aveva come obiettivo quello di interagire  con potenziali acquirenti e incoraggiarli alla conversione.

Per fare ciò gli esperti di marketing hanno creato  una campagna altamente mirata e strategica.

Utilizzando le esclusive funzionalità di targeting di LinkedIn, Mercedes-Benz è stata in grado di adottare un approccio altamente personalizzato che ha permesso di selezionare tra tutti gli utenti attivi sul social media coloro che avrebbero avuto maggiori probabilità di acquistare un nuovo veicolo: ovvero coloro che hanno avuto un avanzamento di carriera.

La campagna “Aggiornamento nel tuo CV, Aggiornamento sulla strada” ha intercettato infatti  le persone che avevano fatto un salto di carriera verso l’alto negli ultimi 60 giorni.

La campagna ha mostrato annunci mirati e ha incluso messaggi di posta elettronica sponsorizzati personalizzati che promuovevano la classe di veicolo più rilevante per il livello sociale  del destinatario: la classe A di livello base per coloro che fanno i loro primi passi nella scala della carriera, e il livello intermedio e veicoli più esclusivi per la C-suite.

Inizialmente la campagna ha previsto annunci display mirati per aumentare la conoscenza  dei veicoli. Due settimane dopo sono state inviate  e-mail sponsorizzate personalizzate in cui lo staff di Mecedes-Benz si congratulava con ogni persona per la promozione e invitava a fare un giro di prova.

Alcuni risultati

  • Sono stati raggiunti quasi due milioni di nuovi acquirenti di auto in Germania, Svezia, Turchia e Portogallo.
  • I tassi di conversione erano tre volte superiori rispetto ai benchmark dell’industria automobilistica.
  • Il gruppo automobilistico ha ricevuto il premio media tedesco “Deutscher Mediapreis” nella categoria “Migliore idea per i media digitali”.

KLM

Lo scorso anno la compagnia aerea olandese KLM ha affrontato la sfida di trovare una strategia efficace ed economica per attirare più viaggiatori verso il proprio marchio, aumentando al contempo il loro tasso di engagement. LinkedIn sembrava quindi una soluzione perfetta.

Per raggiungere questo obiettivo, KLM ha prodotto un video con un defilet i cui attori protagonisti erano dipendenti KLM che sfilavano in aeroporto  su un nastro trasportatore. Facile immaginare che su una piattaforma in genere piena di contenuti aziendali, il video creativo non è passato inosservato.

Grazie a LinkedIn, l’azienda è stata in grado di indirizzare e raggiungere un pubblico premium, perfetto per le offerte di viaggiatori d’affari in tutto il mondo.

Alcuni risultati

  • L’annuncio video ha raggiunto una percentuale di visualizzazione del 33,85%, che è superiore del 2,26% rispetto al benchmark medio .
  • Il costo per visualizzazione è stato solo del  $ 0,06.
  • Rispetto ai precedenti sforzi di marketing, i tassi di coinvolgimento sono stati sbalorditivi  e la società sta lavorando ad ulteriori campagne di annunci video su LinkedIn.

Cosa hanno in comune le migliori campagne B2C di LinkedIn

Le campagne B2C su LinkedIn possono consentire di raggiungere una serie di obiettivi di marketing e sono disponibili in una grande varietà di formati diversi. Tuttavia, ci sono alcuni fattori che hanno in comune tutte le grandi campagne B2C di LinkedIn.

  • Utilizzano le esclusive funzionalità di targeting per raggiungere un pubblico target.
  • Attirano l’attenzione delle persone con qualcosa di inaspettato (ad es. Umorismo, gamification) o personale (ad es. E-mail sponsorizzate personalizzate).
  • Le aziende B2C che funzionano particolarmente bene su LinkedIn sono generalmente quelle con prodotti che hanno un costo elevato e sono aspirazionali, e in genere sono collegati ad uno status symbol  (ad esempio orologi di lusso, automobili), al settore dei viaggi (hotel, bagagli per viaggi d’affari) o contribuiscono a semplificare  la vita di professionisti impegnati (ad es. smartwatch, servizi di consegna pasti).

Teniamo presente che a volte una campagna a pagamento non è la soluzione giusta: non và dimenticato infatti che i post organici, se di costruiti con contenuto arricchente, possono funzionare molto bene e possono aiutare a generare traffico e coinvolgimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *