Il Summary di Linkedin

La scorsa settimana ho tenuto un workshop sull’utilizzo di Linkedin ad alcune libere professioniste di Milano e uno dei topics che di solito riscuote maggiore successo è il Summary o Headline.

Ignoto ai più, pochi ne utilizzano tutte le potenzialità.

Vediamo alcuni utili suggerimenti per renderlo efficace:

Cos’è

Il Riepilogo è la descrizione che si trova subito dopo il Sommario (che è il breve testo che appare sotto il nome e cognome di ogni utente LinkedIn e che ci fa capire velocemente cosa facciamo).

Rappresenta “il biglietto da visita” con cui ci presentiamo al nostro target obiettivo, per questo è necessario che sia ben curato nella forma e nella sostanza.

Il Riepilogo racconta di te, delle tue esperienze, delle tue capacità. Narra la tua storia professionale e mette in luce i tuoi valori:

  • chi sei
  • cosa fai (esperienze)
  • cosa sai fare (competenze)
  • come lo fai (traguardi, referenze)
  • perché lo fai (ami il tuo lavoro)
  • cosa puoi fare per aiutare il tuo interlocutore (clienti o aziende)

E’ un’importante vetrina di presentazione (gratuita) che ci mette in luce agli occhi di aziende o clienti e che permette di farsi notare.

 

Tips

  • Comunica subito cosa puoi fare per il tuo target obiettivo e valorizza i tuoi punti di forza.

LinkedIn ti permette di scrivere nel Riepilogo un massimo di 2.000 caratteri, ma solo i primi 200 sono subito visibili agli utenti.

L’incipit fa la differenza, quindi ricorda che le prime frasi che scrivi devono essere le più rilevanti.

  • Rispondi ad alcune semplici, ma fondamentali, domande:

Perché dovresti scegliermi?

Cosa posso fare per te?

Si tratta, in pratica, di comunicare la reason why, il perché un interlocutore dovrebbe collegarsi a noi e qual è il vantaggio che potrebbe trarne.

  • Utilizza e riporta le parole chiave (keywords) che ti rappresentano o rappresentano il tuo settore di competenza.

Le keywords giocano un ruolo molto importante anche a livello di posizionamento SEO nelle ricerche web. 

Ricorda che ci sono due lettori ben diversi:

– le persone, che hanno bisogno di essere attratte positivamente;

– il motore di ricerca, che invece verifica semplicemente la presenza (o assenza) di uno o più termini che l’utente che ha impostato la ricerca desidera ritrovare nei risultati.

LinkedIn stesso, tra l’altro, ogni anno stila la lista delle parole più abusate nei profili. Solo per citarne alcune:

Esperto

Strategico

Responsabile

Creativo

Organizzazione

Multinazionale

Appassionato

Motivato

Problem solving

Leadership

L’abuso di questa terminologia nuoce gravemente alla nostra immagine, usandole perdiamo l’occasione di essere trovati da chi ci cerca.

Usare termini altisonanti o vuoti allontana i tuoi clienti. Devi usare la loro lingua, il loro gergo. Parlare semplice e dritto al punto perché le persone guardano il tuo profilo dal cellulare in coda o al semaforo, o mentre aspettano un appuntamento e non hanno tempo di leggere.

Lo Stile

Una volta che hai in mente cosa scrivere nel Riepilogo del tuo Profilo LinkedIn, fondamentale è prestare un occhio di riguardo anche alla formattazione del testo, importantissima per invitare l’interlocutore a leggerti.

Ecco alcuni consigli:

Fai paragrafi corti e snelli: scrivi 4/5 righe per ogni paragrafo, evita muri di testo lunghi che non catturano l’attenzione dell’utente.

Utilizza spaziature ed elenchi puntati: rendono il testo snello e intuitivo garantiscono una buona leggibilità.

Arricchisci il tuo Riepilogo con media: spesso le immagini dicono più delle parole. O mostrati in un video: sapere chi sei e parlare al tuo pubblico è un buon modo per eliminare le barriere ed entrare subito in sintonia.

Alcune riflessioni

Perché qualcuno dovrebbe leggere il tuo profilo?

Chi sei? Qual è la tua vera identità?

Chi vuoi raggiungere con il tuo profilo?

Cosa vuoi che imparino gli altri leggendolo?

Come vuoi farli sentire?

Quali sono le tue realizzazioni personali, i tuoi valori e le tue passioni più grandi?

Cosa ti differenzia dagli altri?

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *